Dal test all’amore: l’esperienza di Simona con Lizzie

Il nostro appuntamento mensile con le interviste alle acquirenti Lace Beauty è tornato.
Questa volta ho deciso di intervistare un’amica che ha provato Lizzie prima ancora che uscisse sul mercato, una di voi che ha fatto da tester per il prodotto e che, quando poi è uscito, ha continuato ad acquistarlo.

Simona viene da una pelle piuttosto “maltrattata”. Ci siamo conosciute qualche anno fa ad una lezione di self make up e avevo notato una grana particolarmente disomogenea, pori dilatati, lucidità, eppure qualcosa mi diceva che non era pelle grassa, ma in disequilibrio. Chiacchierando con lei ho scoperto che, a fronte di quella lucidità e dei pori dilatati, faceva grande uso di detergenti per pelle grassa e soprattutto un abuso di esfoliazione viso, oltre le 2-3 volte a settimana, fra scrub e spazzole. Così le ho lanciato una sfida: sospendere completamente l’esfoliazione per qualche mese, ero quasi certa che la pelle fosse aggredita e sospenderla non avrebbe potuto far danni.

Ci siamo riviste dopo circa quattro mesi e lei, un po’ testona, aveva sospeso l’esfoliazione su tutto il viso ma non sul naso e infatti quella era l’unica zona rimasta con le medesime caratteristiche del nostro primo incontro. Per il resto, il viso si stava normalizzando. L’ho quindi convinta a proseguire nel nostro esperimento e a valutare una detersione più delicata e restitutiva. Dopo qualche mese la situazione era migliorata tantissimo.

A posteriori credo che fosse in una condizione di pelle asfittica, ma non avendola analizzata non potrei dirlo con certezza, ad ogni modo era evidente che la sua pelle veniva oltremodo sollecitata dalla detersione aggressiva e dall’esfoliazione meccanica troppo frequente. A distanza di due anni, Simona ha una pelle decisamente normalizzata, sana, tendente al secco. Ecco perché l’ho scelta fra le mie tester di Lizzie, volevo capire se, sulla sua pelle così bisognosa, fosse abbastanza restitutiva.

Lascio quindi la parola a lei e al suo racconto.

Dicci qualcosa su di te, se ti va. (Chi sei, che lavoro fai, quanti anni hai, com’è la tua pelle)

Mi chiamo Simona, ho 43 anni, per lavoro mi occupo di bambini in difficoltà e ho da poco iniziato la carriera di copywriter. Ho poco tempo per tutto, anche se mi sembra di perderne sempre tanto… Madre Natura mi ha regalato una bella pelle, che pensavo si mantenesse tale per tutta la vita… E invece no! Dopo una certa età bisogna lavorare per mantenerla sana e luminosa. Dopo una parentesi in cui ho avuto la pelle asfittica, adesso potrei definirla decisamente secca e costantemente bisognosa di nutrimento!

Ti va di raccontare come hai conosciuto Lace Beauty e Lizzie?

Ho conosciuto il prodotto ed il brand attraverso la mia amicizia con Laura, che mi ha resa partecipe dei suoi progetti raccontandomi, giorno dopo giorno, un pezzo in più della sua “creatura”.

Qual è il motivo che ti ha spinto ad acquistare Lizzie, la nostra crema detergente struccante? Quali erano le tue necessità?

Ho avuto il privilegio di provare Lizzie prima della sua uscita sul mercato: ne ero rimasta impressionata dall’elevato potere struccante, unito alla delicatezza del prodotto, soprattutto sugli occhi! Non vedevo l’ora che uscisse sul mercato, l’ho atteso tanto e quando è uscito l’ho comprato e mesi dopo ricomprato ancora! La mia necessità era trovare un detergente con esattamente queste caratteristiche!

In che condizioni era la tua pelle quando hai iniziato ad utilizzare Lizzie?

Sempre con problemi di secchezza.

Quali risultati hai visto nel suo utilizzo prolungato? In che modo Lizzie ti ha aiutato a raggiungere questi risultati?

Attualmente uso Lizzie più che altro come struccante, quindi non tutte le volte che detergo la pelle: in alcuni periodi però (come le vacanze) l’ho utilizzata in maniera esclusiva ed ho notato, già in una settimana, una pelle più compatta e luminosa.

Lizzie ha un protocollo d’uso che in tanti definiscono particolare: la quantità sembra poca e i gesti vanno calibrati, se seguito alla lettera però, dona ottimi risultati. Tu hai avuto difficoltà le prime volte? Ti va di raccontare i tuoi primi utilizzi come sono andati?

Non ho avuto grandi difficoltà ad adattarmi alla quantità, più che sufficiente, né alla gestualità. Nella confezione e sui social ci sono tutte le informazioni possibili, oltre alla disponibilità di Laura a rispondere in caso di dubbio.

Quali caratteristiche ti piacciono di più nell’utilizzare Lizzie e qual è secondo te il suo punto di forza?

Come già accennato, l’alto potere struccante/detergente e l’estrema delicatezza sulla pelle.

A molti piace cambiare e sperimentare, tu invece hai continuato a riacquistare Lizzie in questi mesi, cosa ti spinge a farlo?

Ho trovato il prodotto giusto, non mi interessa provare altro.

Consiglieresti l’acquisto alle amiche? A chi raccomanderesti l’acquisto di Lizzie e perché?

L’ho già straconsigliato e sono stata ringraziata! Io raccomanderei l’acquisto di Lizzie a tutte, anche a chi, come me, non ha una pelle delle più problematiche perché se si usano prodotti poco adatti, si corre comunque il rischio di trovarsi con disequilibri (come successo a me con la pelle asfittica) da sanare!

Se potessi dare un suggerimento a chi ci legge e non è ancora convinto al 100% di acquistare Lizzie, cosa diresti?

Provatela almeno una volta e tutto il resto sarà noia.

 

Grazie Simona per avermi permesso di raccontare la tua storia e quella del nostro incontro. Sono certa che la tua esperienza sarà utile a tante altre persone!

 

Vuoi conoscere meglio il prodotto di cui parla Simona?

Scopri Lizzie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *